Contributi previdenziali prescritti: possibile chiedere la restituzione

La Corte di Cassazione interviene in materia di contributi previdenziali prescritti, affermando che, a differenza di quanto accade per le obbligazioni in generale (ove il pagamento del debito prescritto non comporta un diritto alla restituzione ex art. 2034 c.c.), il loro pagamento, non potendo neppure essere accettato dall'INPS, attribuisce all'autore del pagamento la facoltà di chiederne la restituzione.
Qui la sentenza completa.