Infortunio e false dichiarazioni agli ispettori INAIL

Con sentenza n. 24574 del 20 giugno 2012, la VI Sezione penale della Cassazione ha affermato che commette reato di "falsità ideologica" (articolo 483 c.p.) il datore di lavoro che, durante l'inchiesta di infortunio subito da un lavoratore, rilascia false dichiarazioni ai funzionari dell'Inail circa la dinamica stessa dell'infortunio. La reclusione in questi casi non può essere inferiore a tre mesi. (Resta, quindi, confermato che, nel dubbio, è preferibile non rilasciare alcuna dichiarazione agli ispettori). Fonte: DPL Modena