Licenziamento per gmo legittimo anche se finalizzato a conseguire un maggior profitto

Si consolida l'orientamento della Cassazione che ritiene insindacabile dal giudice la scelta imprenditoriale che ha determinato l'esubero di personale, anche quando questa sia finalizzata a conseguire un mero incremento del profitto aziendale. In realtà non pare si tratti di un mutamento di indirizzo interpretativo, ma semplicemente l'applicazione alle nuove fattispecie del principio espressamente sancito nell'art. 30, co. 1, della L. 183/2010 (cd. Collegato Lavoro).
SCARICA LA SENTENZA: Cass. sez. lav. 18/11/2015 n. 23620