Ritenute previdenziali: per la Cassazione omesso versamento è ancora reato

La Corte di Cassazione (Cass. Pen. Sez. Fer., 31/07/2014 n.38080), invertendo l’orientamento della giurisprudenza di merito (v. la sentenza del Tribunale di Bari del 16/06/2014, già citata nella scorsa newsletter), ha affermato che il reato di omesso versamento delle ritenute previdenziali non eccedenti i 10.000 euro non è ancora depenalizzato, in quanto non è stata ancora modificata la relativa norma penale attraverso l'emanazione del decreto legislativo. La Corte ha, dunque, ritenuto che la delega prevista dalla L. 28 Aprile 2014, n.67, in base alla quale il Governo avrebbe dovuto emanare decreti delegati per la trasformazione in illecito amministrativo del reato previsto dall’articolo 2 del decreto legge 463/1983, non apporti in alcun modo “modifiche alla figura di reato in oggetto, essendo tale funzione affidata alla futura decretazione delegata.